Home page
Chi siamo
Corsi on line
Rischi
Rischi chimici
Rischi fisici
M.C. del lavoro
Documentazione
Sistemi UNI EN
Compila il form
 

 

 

Documento Valutazione Stress da lavoro Correlato

Il D.Lgs. 81/08 impone diversi obblighi al datore di lavoro, e nel dettaglio l’art. 28 specifica che egli deve eseguire la valutazione dei rischi che riguardano la sicurezza e la salute dei lavoratori, senza tralasciare i rischi collegati allo stress lavoro-correlato.
I rischi da stress lavoro-correlato sono difficili da individuare rispetto ai rischi comuni che possono causare dei danni fisici, per cui può risultare complicato al datore di lavoro eseguire un’attenta e specifica valutazione dei rischi. A tal proposito Parliamo di Sicurezza è in grado di fornire dei consulenti esperti che potranno supportare i datori di lavoro a tracciare le linee guida nel processo di valutazione dei rischi che attengono la tutela della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro.
I consulenti sono dotati di strumenti d’indagine e di conoscenze tecniche superiori a quelli in possesso dei datori di lavoro, per cui saranno in grado di eseguire delle ricerche e di analizzare ambienti lavorativi, attrezzature e sostanze utilizzate per individuare le eventuali fonti che producono rischio relativo allo stress. 
Dalla valutazione che ne consegue, se si evidenzia la presenza di un simile rischio, il datore di lavoro ed il consulente sono in grado di adottare tutte le misure preventive per eliminare o quantomeno ridurre questi insidiosi pericoli.

Vuoi ricevere assistenza per la Valutazone del rischio da Stress da Lavoro Correlato ?  
Compila il form.


Documento Valutazione Rischio MMC

Per un lavoratore la movimentazione manuale dei carichi (MMC) spesso può comportare l’esposizione a dei rischi per la propria salute, in quanto comporta lo svolgimento di una serie di operazioni di trasporto e di spostamento che possono arrecare delle patologie a chi le effettua.
Nell’ambito della valutazione dei rischi conseguenti a movimentazione manuale dei carichi, il D. Lgs. 81/08 dispone esplicitamente che nelle aziende, tali rischi vanno eliminati alla fonte o perlomeno devono essere notevolmente ridotti.
A tal proposito Parliamo di Sicurezza, mette a disposizione dei consulenti esperti, è in grado di prestare assistenza alle aziende che necessitano di eseguire la valutazione del rischio MMC, attraverso un’attenta analisi delle caratteristiche del carico che possono generare infortuni da sovraccarico biomeccanico.
In particolare, il consulente potrà aiutare il datore di lavoro ad individuare le caratteristiche riguardanti il peso, l’ingombro, la posizione e la struttura del carico. Insieme valuteranno se lo sforzo fisico richiesto dal lavoratore comporta affaticamenti elevati, se può compiersi solo con la torsione del tronco, e se determina una posizione instabile del corpo. L’analisi comprenderà anche gli ambienti di lavoro, in particolar modo le condizioni della pavimentazione, dei punti di appoggio e dei piani di lavoro, per controllare che siano sempre stabili e senza dislivelli. Infine gli sforzi fisici non devono essere eccessivi né come durata né come intensità.
Il consulente grazie alle conoscenze tecniche in suo possesso sarà in grado di elaborare una strategia di azione per adottare delle misure finalizzate ad eliminare o a ridurre il rischio da movimentazione manuale dei carichi. Con il datore di lavoro, valuterà un criterio di organizzazione del lavoro prendendo in considerazione metodologie alternative, come l’utilizzo di mezzi meccanici, meno pericolose per la salute dei lavoratori.

Vuoi ricevere assistenza da un consulente esperto per la Valutazone del rischio MMC
Compila il form.


Documento Valutazione Rischio Lavoratrici Gestanti

Le lavoratrici gestanti godono di una particolare tutela sul luogo di lavoro a causa della loro condizione fisica. Questo è quanto dispone il testo unico aggiornato, D. Lgs. 81/08, riguardo alla salute e alla sicurezza dei lavoratori.
Il datore di lavoro che normalmente adempie l’obbligo di valutare i rischi connessi alle attività svolte all’interno della sua azienda, quando si tratta di rilevare quelli relativi alle donne incinta deve effettuare una doppia valutazione. Anzitutto il datore di lavoro è obbligato a non adibire la lavoratrice a lavori pericolosi, faticosi ed insalubri per tutto il periodo della gravidanza e fino a sette mesi dopo il parto. Inoltre la valutazione dei rischi dovrà riguardare nello specifico tutte quelle mansioni che potrebbero arrecare problemi fisici non solo alla madre ma anche al nascituro.
Parliamo di Sicurezza offre la possibilità di avvalersi di un consulente esperto per effettuare tutta una serie di accertamenti che riguardano la valutazione dei rischi per le gestanti e le conseguenti misure di sicurezza da applicare. Nella fattispecie il consulente aiuterà il datore di lavoro nella individuazione dei rischi in merito: a sostanze che possono provocare lesioni al feto, a posture per la gestante che richiedono eccessivi sforzi, a mansioni da esercitare in luoghi insalubri o in cui l’esposizione al rumore o a sollecitazioni termiche possano essere dannose per la gestante e per il nascituro.
In seguito a questa valutazione il consulente ed il datore di lavoro saranno in grado di valutare opportunamente le misure da adottare per tutelare maggiormente la sicurezza delle lavoratrici che affrontano il periodo di gravidanza.

Vuoi ricevere assistenza da un consulente esperto per la Valutazone del rischio per le lavoratrici gestanti ?  
Compila il form.


Documento Valutazione Rischio Vibrazioni

Parliao di Sicurezza offre la collaborazione di un consulente esperto per valutare e misurare i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori che sono esposti a vibrazioni.
Il D. Lgs. 81/08, recentemente modificato dal D.Lgs. 106/09, costituisce la normativa di riferimento per il datore di lavoro riguardo le misure di prevenzione da adottare all’interno dell’azienda per limitare i rischi da vibrazione.
In questi termini i consulenti forniti da PArliamo di Sicurezza sono necessari per coadiuvare il datore di lavoro ad effettuare una precisa valutazione dei rischi che possono derivare dall’utilizzo di macchinari e attrezzature che emanano vibrazioni.
Il consulente è inoltre in possesso delle conoscenze tecniche e di calcolo per eseguire una valutazione del rischio vibrazioni che prenda in considerazione anche le misure di prevenzione e protezione, individuando quali sono i limiti di esposizione alle vibrazioni da non superare.
Il datore di lavoro ed il consulente devono redigere un documento contenete i risultati della valutazione, e se i valori riportati dovessero superare quelli consentiti dalla legge, dovranno provvedere ad identificare quali macchinari eccedono il limite ed applicare di conseguenza tutte le misure tecniche e organizzative per diminuire sensibilmente i rischi.
Spetterà comunque sempre al datore di lavoro prendere tutte le decisioni riguardanti il riordino dei macchinari e delle attrezzature per riportare l’esposizione alle vibrazione  al di sotto del valore normale.

Vuoi ricevere assistenza da un consulente esperto per la Valutazone del rischio vibrazioni ?  
Compila il form.


Documento Valutazione Rischio Rumore

Le aziende hanno l’obbligo di effettuare la valutazione del rischio derivante da rumore nel luogo di lavoro. In base a quanto stabilito dal D. Lgs. 81/08 tutte le categorie di lavoratori devono rispettare questa normativa, e vale sia per il settore pubblico che per quello privato, senza nessuna esclusione. Più precisamente il datore di lavoro deve verificare se all’interno della sua azienda esistono le misure di prevenzione e di protezione per tutelare i lavoratori contro le malattie o gli infortuni dovuti alla presenza di rumore negli ambienti di lavoro oltre il limite consentito.
Nello specifico l’art. 190 del decreto stabilisce l’obbligo di valutazione a carico del datore in relazione ai rischi o ai danni che può causare il rumore, ed estende la valutazione anche ai macchinari e alle strumentazioni alternativamente utilizzabili e meno rumorose. Lo stesso datore di lavoro deve inoltre dimostrare di aver preso in considerazione tutti i dispositivi di protezione per l’udito e di aver analizzato le possibili conseguenze dovute all’esercizio di attività lavorative in ambienti in cui oltre al rumore vi sono delle vibrazioni.
Eseguire una simile valutazione richiede delle competenze di ordine tecnico che spesso i datori di lavoro non possiedono. 
Parliamo di Sicurezza è in grado di fornire dei consulenti esperti per assistere il datore di lavoro nella misurazione periodica dei livelli di rumore, avvalendosi di metodologie e strumentazioni idonee come indicato dalla normativa UNI 9432.
I consulenti prestano la loro professionalità per aggiornare il documento riguardante la valutazione dei rischi anche quando all’interno dell’azienda si sono verificati dei cambiamenti agli impianti, ai macchinari e ai locali, che abbiano determinato un aumento della rumorosità.
Infine si dovrà ricorrere ad un’ulteriore revisione della valutazione se i lavoratori dovessero presentare delle malattie o degli infortuni dovuti all’esposizione al rumore.

Vuoi ricevere assistenza da un consulente esperto per la Valutazone del rischio rumore ?  
Compila il form.

Site Map